Guardando Firenze nei particolari da dietro l'obiettivo di una fotocamera.

venerdì 6 maggio 2011

Mozart, quei giorni fiorentini, 241 anni or sono

Cliccare sull'immagine per ingrandire



Firenze, piazza dell'Olio nei pressi di via Cerretani, fu albergo dell'Aquila Nera, palazzo Del Bembo poi Bezzoli-Martelli, targa

Cliccare sull'immagine per ingrandire

 
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------
QUI OVE FU L'ALBERGO DELL'AQUILA NERA 
WOLFANG   AMADEUS   MOZART 
QUATTORDICENNE SI FERMÒ NELLA PRIMAVERA DEL 1770 
NEL PRIMO DEI SUOI TRE VIAGGI IN ITALIA 
RIVELANDO ALLA CITTÀ DI FIRENZE 
IL GENIO MUSICALE 

IL COMUNE DI FIRENZE 
L'INSTITUT FRANCAIS DE FLORENCE 
E GLI AMICI DEL TEATRO DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO 
POSERO
ADDÌ 30 APRILE 2006
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Wolfang Amadeus Mozart (1756 - 1791), appena quattordicenne, arrivò a Firenze il 30 Marzo del 1770 accompagnato dal padre Leopold. Era un venerdì. Partiti da Bologna con la diligenza postale ordinaria  percorsero la strada carrozzabile Bologna-Firenze di 75 miglia appena sistemata sul nuovo tracciato che transitava dalla Futa. Il tratto tra le due città da allora divenne percorribile in un solo giorno. Presero alloggio all'albergo dell'Aquila nera,   nel trecentesco palazzo Del Bembo,  albergo frequentato solitamente da illustri forestieri.
Sabato 31 marzo, Amadeus e Leopold si riposano.
Domenica 1 aprile, i Mozart si recano a Palazzo Pitti, sede del Granduca di Toscana, Pietro Leopoldo d'Asburgo-Lorena. 
La sera del lunedì 2 aprile Wolfang tiene il concerto nella residenza estiva di Poggio Imperiale accompagnato dal violinista Pietro Nardini, coetaneo. Il marchese Eugéne de Ligniville, "Direttore della musica della Real Corte di Toscana", pose difficili problemi contappuntistici ad Amadeus che li risolse con grande bravura e facilità.
Martedì 3 aprile, i Mozart vanno a trovare il castrato Giovanni Manzuoli. Mercoledì 4 aprile, i Mozart sono ricevuti dalla poetessa estemporanea Corilla Olimpica [che abitava a circa 30 metri dall'albergo]. Amadeus suona con il coetaneo violinista Thomas Linley (giovane allievo inglese del violinista Pietro Nardini).
Giovedì 5 aprile, Leopold riscuote la somma di 333,68 lire come onorario dovuto per il concerto di Wolfang. Wolfang e Thomas Linley suonano tutto il pomeriggio il violino all'albergo dell'"Aquila nera".
Venerdì 6 aprile, Wolfang e Thomas Linley suonano duetti a casa di Giuseppe Maria Gavard des Pivets, la famiglia dell'amministratore delle finanze.
Sabato 7 aprile, i Mozart lasciano Firenze per Roma.
Del breve ma piacevole soggiorno fiorentino dei Mozart è rimasta traccia nello scritto di Leopold (uomo di non facili entusiasmi) alla moglie: " Sono assai rattristato di dover ripartire di qui già venerdì prossimo per arrivare in tempo a Roma. Vorrei che tu potessi veder Firenze, la posizione di questa città, i dintorni: diresti che qui si dovrebbe vivere e morire." .

Note tratte da Zoomedia.it

Coordinate:   43°46'24.05"N,  11°15'14.30"E

Vedere anche: Qui abitò Corilla



 Firenze Nei Dettagli è su  

.
-

Nessun commento:

Posta un commento